Casa » Salute » Atrofia vaginale (vaginite atrofica)
Salute

Atrofia vaginale (vaginite atrofica)

Che cos’è?

L’atrofia vaginale è un cambiamento della vagina che si sviluppa quando c’è una significativa diminuzione dei livelli dell’estrogeno ormone femminile. La condizione è anche chiamata vaginite atrofica.

L’estrogeno, che è prodotto dalle ovaie, svolge un ruolo vitale nel mantenere i tessuti vaginali lubrificati e sani. Quando i livelli di estrogeni sono bassi, il tessuto vaginale diventa atrofico, sottile, asciutto e rattrappito. La vagina può diventare più incline all’infiammazione in uno stato atrofico.

Le condizioni comuni con bassi livelli di estrogeni che causano atrofia vaginale includono:

  • La menopausa, quando normale, i cambiamenti del corpo legati all’età fanno sì che le ovaie riducano la produzione di estrogeni

  • Rimozione chirurgica delle ovaie prima dell’età della menopausa naturale, che può essere eseguita contemporaneamente all’isterectomia (rimozione dell’utero)

  • Trattamento con farmaci usati per ridurre i livelli di estrogeni nelle donne che hanno condizioni come fibromi uterini o endometriosi

  • Menopausa precoce, che si verifica prima dei 40 anni, di età inferiore a quella considerata normale per la donna media

  • L’allattamento al seno

L’atrofia vaginale si sviluppa tipicamente così lentamente che una donna può non notare alcun sintomo fino a cinque-dieci anni dopo l’inizio della menopausa.

Sintomi

I segni comuni di atrofia vaginale includono:

  • Secchezza vaginale

  • Prurito vaginale o sensazione di bruciore

  • Rapporti sessuali dolorosi

  • Sanguinamento leggero dopo il rapporto sessuale

Diagnosi

Se sei una donna di mezza età, il medico ti chiederà se hai iniziato la menopausa o se hai avuto sintomi della menopausa (periodi mestruali assenti o irregolari, sbalzi d’umore, vampate di calore, difficoltà a dormire la notte, sudorazione notturna).

Se sei una donna in età fertile, il tuo medico ti informerà se stai allattando o se hai periodi mestruali irregolari, che potrebbero essere causati da bassi livelli di estrogeni o da uno squilibrio negli ormoni femminili. Il tuo medico valuterà anche la tua storia medica e chirurgica e chiederà informazioni sui tuoi attuali farmaci.

Il medico può sospettare un’atrofia vaginale in base all’età, ai sintomi e alla storia medica. Per confermare la diagnosi, il medico eseguirà un esame pelvico per esaminare la vulva e la vagina per segni di secchezza, arrossamento e assottigliamento dei tessuti.

Se sei in menopausa e hai un’emorragia dopo un rapporto sessuale, il medico potrebbe voler controllare il carcinoma endometriale (cancro del rivestimento uterino) facendo una biopsia endometriale. In questa procedura, un piccolo pezzo di tessuto viene rimosso dal rivestimento uterino ed è esaminato in un laboratorio. Il medico potrebbe anche voler verificare un problema con la cervice facendo un Pap test.

Durata prevista

La condizione continuerà fino a quando non viene trattata o i livelli di estrogeni tornano alla normalità.

Prevenzione

Un lubrificante vaginale idrosolubile può essere utilizzato per inumidire i tessuti e prevenire i rapporti sessuali dolorosi. L’attività sessuale regolare può anche aiutare a prevenire i sintomi. Questo perché i rapporti sessuali migliorano la circolazione del sangue alla vagina, che aiuta a mantenere il tessuto vaginale.

Trattamento

L’atrofia vaginale può essere trattata con la terapia estrogenica. Il medico può prescrivere una pillola di estrogeni, una crema di estrogeni topici, supposte da inserire nella vagina, un cerotto di estrogeni o un anello di estrogeni vaginali. Creme per estrogeni o supposte vengono inserite nella vagina usando un applicatore. Un cerotto per estrogeni viene applicato una o due volte alla settimana per fornire gli estrogeni attraverso la pelle. Un anello vaginale viene posto nella vagina per 3 mesi e rilascia lentamente gli estrogeni direttamente nei tessuti vaginali.

I medici cercheranno di utilizzare la dose più bassa possibile per alleviare i sintomi. L’uso di preparati di estrogeni vaginali provoca livelli molto bassi di estrogeni nel sangue e quindi è il modo più sicuro per trattare l’atrofia vaginale con gli estrogeni.

Le donne possono anche usare lubrificanti idrosolubili per il comfort. I lubrificanti idrosolubili non contengono estrogeni e possono essere acquistati senza prescrizione medica presso farmacie, farmacie o negozi di alimentari.

Le donne che hanno ancora un utero e usano gli estrogeni devono essere consapevoli del fatto che possono sperimentare sanguinamento, che può essere simile a un normale ciclo mestruale. Dovresti parlare con il tuo medico di eventuali sanguinamenti.

Le donne che hanno i seguenti problemi dovrebbero evitare la terapia con estrogeni se non espressamente raccomandato dal loro medico:

  • Sanguinamento vaginale inspiegabile

  • Malattia epatica cronica o attiva

  • Cancro al seno

  • Tumore endometriale

  • Coaguli di sangue recenti o una storia di coaguli di sangue

Inoltre, le donne con emicrania, colecisti, ipertensione o endometriosi potrebbero non essere candidate alla terapia con estrogeni. Se hai questi problemi, dovresti discutere il problema con il tuo medico.

Le donne che non possono usare gli estrogeni possono usare un lubrificante vaginale idrosolubile, se necessario, per alleviare la secchezza vaginale e inumidire i tessuti.

Quando chiamare un professionista

Pianifica un appuntamento con il tuo medico se riscontri sanguinamento vaginale, secchezza vaginale, bruciore o prurito, o se un rapporto sessuale doloroso non viene alleviato con un lubrificante idrosolubile.

Prognosi

Nella maggior parte delle persone, le prospettive sono eccellenti.