Casa » Salute » Disturbi della ghiandola salivare
Salute

Disturbi della ghiandola salivare

Che cos’è?

Le ghiandole salivari producono la saliva e la rilasciano in bocca.

Ci sono tre coppie di ghiandole salivari relativamente grandi e grandi:

  • Ghiandole parotidee Situato nella parte superiore di ogni guancia, vicino all’orecchio. Il condotto di ciascuna ghiandola parotide si svuota all’interno della guancia, vicino ai molari della mascella superiore.

  • Ghiandole sottomandibolari. Sotto la mascella Hanno condotti che si svuotano dietro i denti anteriori inferiori.

  • Ghiandole sublinguali Sotto la lingua Hanno condotti che si svuotano sul pavimento della bocca.

In aggiunta a queste ghiandole maggiori, da 600 a 1.000 minuscole ghiandole salivari minori sono sparse per la bocca e la gola. Si trovano sotto la pelle umida che allinea il:

  • Labbra interne

  • Guance interne

  • Palato

  • Parte posteriore della gola

  • Parte posteriore della lingua

  • Faringe

  • seni

Alcuni dei più comuni disturbi delle ghiandole salivari includono:

  • sialolitiasi (Pietre ghiandole salivari). Piccole pietre ricche di calcio si formano talvolta all’interno delle ghiandole salivari. La causa esatta di queste pietre è sconosciuta. Alcune pietre potrebbero essere correlate a:

    • Disidratazione, che addensa la saliva

    • Riduzione dell’assunzione di cibo, che riduce la domanda di saliva

    • Farmaci che riducono la produzione di saliva, compresi alcuni antistaminici, farmaci per la pressione del sangue e farmaci psichiatrici

    Alcune pietre si siedono all’interno della ghiandola senza causare alcun sintomo. In altri casi, una pietra blocca il condotto della ghiandola, parzialmente o completamente. Quando ciò accade, la ghiandola è tipicamente dolorosa e gonfia e il flusso di saliva è parzialmente o completamente bloccato. Questo può essere seguito da un’infezione chiamata scialoadenite.

  • scialoadenite (infezione di una ghiandola salivare). Sialadenite è un’infezione dolorosa che di solito è causata da batteri. È più comune tra gli anziani con calcoli delle ghiandole salivari. Sialadenite può anche verificarsi nei bambini durante le prime settimane di vita.

    Senza un adeguato trattamento, la scialoadenite può svilupparsi in una grave infezione, specialmente in persone debilitate o anziane.

  • Infezione virale. Le infezioni virali sistemiche (corpo intero) a volte si depositano nelle ghiandole salivari. Ciò causa gonfiore del viso, dolore e difficoltà nel mangiare. L’esempio più comune è la parotite.

  • cisti (piccole sacche piene di liquido). I bambini a volte nascono con le cisti nella ghiandola parotide a causa di problemi legati allo sviluppo dell’orecchio prima della nascita. Più tardi nella vita, altri tipi di cisti possono formarsi nelle ghiandole salivari maggiori o minori. Possono derivare da lesioni traumatiche, infezioni o calcoli o tumori delle ghiandole salivari.

  • Tumori benigni (tumori non cancerosi). La maggior parte dei tumori delle ghiandole salivari si verifica nella ghiandola parotide. La maggior parte è benigna. Il tipo più comune di tumore parotideo benigno appare solitamente come un nodulo a crescita lenta e indolore nella parte posteriore della mascella, appena sotto il lobo dell’orecchio. I fattori di rischio includono l’esposizione alle radiazioni e possibilmente il fumo.

  • Tumore maligno (tumori cancerosi). I tumori delle ghiandole salivari sono rari. Possono essere più o meno aggressivi. Gli unici fattori di rischio noti per i tumori delle ghiandole salivari sono la sindrome di Sjogren e l’esposizione alle radiazioni. Anche il fumo può giocare un ruolo.

  • Sindrome di Sjogren. La sindrome di Sjogren è una malattia autoimmune cronica. Le difese immunitarie del corpo attaccano le ghiandole salivari, le ghiandole lacrimali (ghiandole che producono lacrime) e occasionalmente il sudore della pelle e le ghiandole dell’olio.

    La maggior parte delle persone affette da questa malattia sono le donne che sviluppano i primi sintomi durante la mezza età. In circa la metà dei casi, la malattia si manifesta con artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico (lupus), sclerodermia o polimiosite.

  • Sialadenosis (ingrandimento della ghiandola salivare non specifico). A volte, le ghiandole salivari si ingrossano senza evidenza di infezione, infiammazione o tumore. Questo allargamento non specifico è chiamato sialadenosis. Il più delle volte colpisce la ghiandola parotide e la sua causa rimane sconosciuta.

Sintomi

I sintomi variano a seconda del tipo specifico di disturbo delle ghiandole salivari:

  • Sialolitiasi. Il sintomo più comune è un nodulo doloroso, di solito nel pavimento della bocca. Il dolore può peggiorare durante il pasto.

  • Scialoadenite. I sintomi possono includere:

    • Un grumo tenero e doloroso sulla guancia o sotto il mento

    • Uno scarico disgustoso di pus dal condotto in bocca

    • Nei casi più gravi, febbre, brividi e debolezza generale.

  • Infezione virale – I primi sintomi spesso includono:

    • Febbre

    • Mal di testa

    • Dolori muscolari

    • Dolori articolari

    • Scarso appetito

    • Malessere

    Questi sintomi sono seguiti da gonfiore delle ghiandole parotidee, solitamente su entrambi i lati del viso. Potrebbe essere difficile aprire completamente la bocca.

  • cisti – Una cisti causa un nodulo indolore. A volte cresce abbastanza grande da interferire con il mangiare.

  • tumori – Un nodulo a crescita lenta è il sintomo più comune dei tumori delle ghiandole salivari sia cancerose che non cancerose. Il nodulo a volte è doloroso. Questo nodulo può essere trovato sulla guancia, sotto il mento, sulla lingua o sul tetto della bocca.

  • Sindrome di Sjogren – Le principali caratteristiche della sindrome di Sjogren sono il gonfiore delle ghiandole salivari, degli occhi asciutti e della bocca secca.

  • Sialadenosis – Questa condizione causa tipicamente gonfiore indolore delle ghiandole parotidei su entrambi i lati del viso.

Diagnosi

Descriverete i vostri sintomi. Il medico esaminerà il tuo:

  • Storia medica

  • Storia del fumo

  • Farmaci attuali

  • Dieta

Il medico può anche chiedere se:

  • Recentemente sono stati ricoverati in ospedale per un intervento chirurgico. Una riduzione dell’assunzione di cibo e liquidi dopo l’intervento può aumentare il rischio di calcoli e infezioni delle ghiandole salivari.

  • Hanno mai ricevuto trattamenti radioterapici per il cancro della testa o del collo

  • Sono mai stati diagnosticati con parotite o immunizzati contro la parotite

  • Sono stati recentemente esposti a chiunque abbia l’influenza o un’altra malattia virale

  • Hanno qualche condizione autoimmune, come l’artrite reumatoide

Successivamente, il medico esaminerà la testa e il collo, compresa l’area della bocca. Il medico preme delicatamente sulle zone delle guance per sentire il gonfiore della ghiandola parotide. Lui o lei sentirà anche sotto la tua mascella per ingrossamento delle ghiandole salivari. Dillo al tuo medico se c’è qualche tenerezza durante l’esame.

A seconda dei sintomi, della storia e dei risultati fisici, il medico può ordinare uno o più dei seguenti test:

  • Analisi del sangue. Cercare un alto numero di globuli bianchi che suggerirebbe un’infezione batterica. Altri esami del sangue potrebbero includere test per la sindrome di Sjogren, carenze nutrizionali e infezioni virali.

  • Raggi X . Per rilevare i calcoli delle ghiandole salivari.

  • Scansioni con risonanza magnetica (MRI) o tomografia computerizzata (CT) . Questi test sono in grado di rilevare tumori e pietre che non sono visibili ai raggi X.

  • Aspirazione fine dell’ago . Questo test utilizza un ago sottile per rimuovere le cellule dalla ghiandola salivare per determinare se un tumore è canceroso.

  • scialografia . Il colorante viene iniettato nel dotto della ghiandola in modo tale da poter vedere i percorsi del flusso della saliva.

  • Biopsia delle ghiandole salivari . Questa è la rimozione di un piccolo pezzo di tessuto per diagnosticare una cisti, un tumore o la sindrome di Sjgren.

  • Test di funzionalità salivare . Per aiutare a diagnosticare la sindrome di Sjogren.

  • Prove oculari . Per cercare prove della sindrome di Sjogren.

Durata prevista

Quanto dura un problema di ghiandola salivare dipende dal disturbo specifico.

  • Sialolitiasi. Piccole pietre a volte escono dal condotto da sole. Tuttavia, le pietre più grandi di solito rimangono nella ghiandola fino a quando non vengono rimosse.

  • Scialoadenite. I sintomi di solito iniziano a diminuire entro 48 ore dal trattamento con antibiotici.

  • Infezione virale. Con la parotite, i sintomi di solito durano circa 10 giorni.

  • Cisti. Una cisti piccola e superficiale può essere un problema a breve termine che si esaurisce da solo. Le grandi cisti spesso crescono più grandi fino a quando non vengono rimosse chirurgicamente.

  • Tumori. I tumori durano fino a quando non vengono rimossi.

  • Sindrome di Sjogren. Questa è una malattia per tutta la vita.

  • Sialadenosis. Sialadenosi relativa a un problema medico generalmente persiste fino a quando il problema medico lo fa.

Prevenzione

È possibile ridurre il rischio di infezioni virali delle ghiandole salivari. Per farlo, sii immunizzato contro la parotite e l’influenza.

Non ci sono linee guida specifiche per la protezione da altri tipi di disturbi delle ghiandole salivari. Tuttavia, è utile per:

  • Evitare di fumare.

  • Mangia una dieta sana.

  • Bere da sei a otto bicchieri d’acqua al giorno per evitare la disidratazione.

  • Praticare una buona igiene orale, con spazzolino da denti e filo interdentale regolari.

Trattamento

Il trattamento varia a seconda del disturbo:

  • Sialolitiasi. Se la pietra si trova vicino alla fine del condotto, il medico potrebbe essere in grado di comprimerlo delicatamente. Le pietre più profonde possono essere rimosse con la chirurgia.

  • Scialoadenite. Il trattamento include:

    • Bere liquidi o ricevere liquidi per via endovenosa

    • antibiotici

    • Impacchi caldi sulla ghiandola infetta

    • Incoraggiante flusso di saliva masticando caramelle acide, senza zucchero o bevendo succo d’arancia

Se questi metodi non curano l’infezione, la chirurgia può drenare la ghiandola.

  • Infezione virale. Queste infezioni quasi sempre vanno via da sole. Il trattamento si concentra sull’alleviare i sintomi attraverso:

    • riposo

    • Bere liquidi per prevenire la disidratazione

    • Assunzione di acetaminofene (Tylenol) per alleviare il dolore e la febbre

  • Cisti. Una cisti piccola può drenare da sola senza trattamento. Le cisti più grandi possono essere rimosse utilizzando la chirurgia tradizionale o la chirurgia laser.

  • Tumori benigni. I tumori non cancerosi di solito vengono rimossi chirurgicamente. In alcuni casi, i trattamenti radioterapici vengono somministrati dopo l’intervento chirurgico per impedire il ritorno del tumore.

  • Tumore maligno. I tumori più piccoli, in stadio iniziale e di basso grado spesso possono essere trattati con la sola chirurgia. Tuttavia, i tumori più grandi e di alta qualità di solito richiedono radiazioni dopo l’intervento chirurgico. I tumori inoperabili sono trattati con radiazioni o chemioterapia.

  • Sindrome di Sjogren. Il sintomo principale correlato alle ghiandole salivari è una bocca secca. Le opzioni includono:

    • Farmaci per stimolare più secrezione di saliva, come pilocarpina (Salagen) e cevimeline (Evoxac)

    • Gomme e caramelle senza zucchero per stimolare la produzione di saliva

    • Evitare i farmaci che possono peggiorare la bocca secca

    • Non fumare

    Una buona igiene orale è d’obbligo. Le persone con Sjogren hanno problemi di denti e gengive a causa della scarsa secrezione di saliva.

  • Sialadenosis. Il trattamento è volto a correggere qualsiasi problema medico di base. Una volta migliorato il problema medico, le ghiandole salivari dovrebbero ridursi a dimensioni normali.

Quando chiamare un professionista

Rivolgersi al proprio medico o dentista se si sviluppa un nodulo persistente o gonfiore ovunque nel collo, mascella, guancia, lingua o palato duro.

Chiama immediatamente il medico o il dentista se il nodulo:

  • È doloroso, rosso o tenero

  • Si verifica insieme a febbre e brividi

  • Interferisce con la tua capacità di aprire bocca, parlare, masticare o deglutire

Prognosi

Le prospettive dipendono dal disturbo:

  • Sialolitiasi. Se una pietra viene rimossa prontamente, la prognosi di solito è eccellente. Circa una persona su cinque ha un ritorno di pietre.

  • Scialoadenite. Con una tempestiva terapia antibiotica, la prognosi di solito è molto buona. Il più alto rischio di complicanze è nelle persone anziane e in quelle con malattie croniche e debilitanti.

  • Infezione virale. La maggior parte delle persone guarisce completamente senza complicazioni.

  • Cisti. Nella maggior parte dei casi, la prognosi è buona. Le cisti si sviluppano di nuovo in alcune persone. Ma questi di solito possono essere rimossi senza complicazioni.

  • Tumori benigni. La prognosi di solito è molto buona. Tuttavia, i tumori si sviluppano di nuovo in alcune persone fino a 10-15 anni dopo la rimozione del primo tumore.

  • Tumore maligno. La prognosi è solitamente la migliore per i tumori parotidei. È il più povero per:

    • Tumori delle ghiandole salivari sublinguali o minori

    • Tumori che hanno invaso il vicino nervo facciale

    • Tumori voluminosi che si sono diffusi

  • Sindrome di Sjogren. La prognosi varia. Alcune persone hanno solo sintomi lievi. Altri hanno forme più gravi della malattia che influenzano la qualità della vita.

  • Sialadenosis. Una volta trattata qualsiasi malattia sottostante, le ghiandole salivari tornano di solito alle loro dimensioni normali.