Casa » Salute » Frattura dell’anca
Salute

Frattura dell’anca

Frattura dell’anca

Che cos’è?

L’anca è l’articolazione tra l’estremità superiore del femore e la sua presa nella pelvi. Quando una frattura dell’anca (pause), la ferita è sempre nel femore. L’estremità superiore del femore può fratturarsi in uno qualsiasi dei tre punti:

  • La testa del femore – La superficie arrotondata alla fine dell’osso che si inserisce in una presa nella pelvi.

  • Il collo del femore – Un tratto di osso un po ‘orizzontale nella parte superiore del femore che conferisce a questa osso la forma di una “L” rovesciata.

  • Tra o sotto il grande e il piccolo trocantere – Il femore si piega naturalmente al limite inferiore dell’anca, inclinandosi verso il ginocchio. A questa curva, due gobbe ossee sporgono lungo il bordo esterno del femore. Queste creste sono il grande trocantere e il piccolo trocantere.

La caduta è la causa più comune delle fratture dell’anca. Di solito, questo si verifica nelle persone di età superiore ai 50 anni. Le persone anziane sono a rischio di fratture dell’anca a causa dell’osteoporosi, una malattia che indebolisce le ossa e può essere correlata all’età. Anche un fianco può essere fratturato durante un trauma, come un incidente automobilistico.

I medici etichettano le fratture secondo quanto lontano l’osso si è spostato dalla sua posizione originale (il suo spostamento). Le fratture possono essere:

  • Non disteso, in cui l’osso si è incrinato ma non separato

  • Minimamente spostato, in cui l’osso si è spostato leggermente lungo o lontano da una pausa

  • Dislocato, in cui una parte dell’osso si è completamente staccata

Sintomi

Una frattura dell’anca può causare dolore all’anca, gonfiore o lividi e l’anca può apparire deformata. Potrebbe essere difficile spostare l’anca, in particolare girando il piede verso l’esterno o piegandosi all’anca. La frattura potrebbe far sembrare l’anca troppo debole per sollevare la gamba. Le persone di solito hanno dolore all’inguine quando mettono il peso sull’anca. Camminare o addirittura in piedi può causare la diffusione della frattura, che può peggiorare il dolore. Nei casi più gravi, una persona con una frattura dell’anca ha troppo dolore per muoversi. In rari casi, di solito nelle persone legate al letto e che non appesantiscono i fianchi, una frattura dell’anca non può causare alcun sintomo.

Diagnosi

Se il medico sospetta di avere una frattura dell’anca, una scansione a raggi X o a risonanza magnetica (MRI) può confermare la diagnosi. Occasionalmente, sono necessari ulteriori raggi X per individuare piccole fratture, che diventano più visibili ai raggi X dopo una o due settimane.

Durata prevista

La quantità di tempo necessaria per riprendersi da una frattura dell’anca dipende dal tipo di frattura e da come viene trattata. Quando sono necessari perni e viti per fissare l’osso, la persona dovrebbe cercare di riprendere a camminare con un deambulatore il prima possibile. Potrebbero volerci dalle sei alle otto settimane prima che la persona possa passare a camminare con un bastone.

Il recupero dalla chirurgia sostitutiva dell’anca può richiedere anche più tempo, fino a 12 settimane. In ben due casi su tre, le persone con una frattura dell’anca richiedono assistenza a lungo termine con una o più attività quotidiane di base.

Fino al 25% dei casi, le persone anziane con fratture dell’anca non riescono più a vivere in modo indipendente anche dopo il recupero. La perdita di indipendenza non è tutta collegata alla frattura dell’anca stessa. Molte persone che soffrono di fratture dell’anca sono fragili e hanno problemi medici significativi prima che si verifichi la frattura. È più probabile che altre persone sane abbiano complicazioni dovute alla frattura e al trattamento.

Prevenzione

Esistono due modi principali per prevenire una frattura dell’anca: mantenere la resistenza ossea e prevenire cadute.

Per ottimizzare la resistenza ossea, uomini e donne di tutte le età devono esercitare regolarmente e consumare abbastanza calcio e vitamina D.

Le ossa delle donne hanno maggiori probabilità di assottigliarsi man mano che invecchiano. Uno speciale test a raggi X, chiamato test di densità minerale ossea, può identificare le persone con osteoporosi.

Dopo la menopausa, le donne con fattori di rischio per l’osteoporosi (compresa una forte storia familiare di osteoporosi, una frattura ossea da adulto, uso di corticosteroidi o fumo) dovrebbero considerare di sottoporsi a un test di densità minerale ossea, secondo la National Osteoporosis Foundation. Le donne di età pari o superiore a 65 anni e gli uomini di età pari o superiore a 70 anni, con o senza rischi aggiuntivi per l’osteoporosi, dovrebbero anche sottoporsi al test.

Se il test della densità ossea rivela una bassa densità ossea, il medico può raccomandare farmaci, soprattutto se si è verificata una frattura dopo un trauma minore. Sono disponibili numerosi farmaci per prevenire l’osteoporosi, tra cui:

  • Bifosfonati, compresi alendronato (Fosamax), risedronato (Actonel), pamidronato (Aredia), ibandronato (Boniva) e zoledronato (Reclast)

  • Teriparatide (Forteo)

  • Denosumab (Prolia)

  • Terapia ormonale sostitutiva. Poiché la terapia ormonale sostitutiva può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, non è più la prima scelta per prevenire l’osteoporosi.

Un medico dovrebbe valutare le persone che cadono frequentemente. Alcune cause di caduta possono essere identificate e trattate. In alcuni casi, il miglioramento della sicurezza domestica può aiutare a prevenire cadute. Maniglie di sostegno, rivestimenti antiscivolo, un’adeguata illuminazione e l’attrezzatura per il bagno al lato del letto possono essere utili per alcune persone. Il medico può fornire ulteriori consigli su come prevenire le cadute, come esercizi per migliorare la forza e l’equilibrio.

I cuscinetti proteggi-anca possono fornire una certa protezione in caso di caduta, ma molte persone li trovano difficili da indossare e gli studi non hanno dimostrato un beneficio significativo.

Trattamento

Il trattamento dipende dalla posizione della frattura, dal grado di spostamento, dal numero di altre fratture e dall’età della persona. Una frattura dell’anca di solito viene trattata con un intervento chirurgico. Negli ultimi anni, sono state sviluppate operazioni meno invasive.

Frattura della testa o del collo del femore – Se la frattura non viene spostata, le ossa possono essere fissate con perni e viti durante un intervento chirurgico minore. A volte vengono usate piastre di metallo. Una frattura spostata richiede una sostituzione dell’anca, un’operazione importante. Nella chirurgia di sostituzione dell’anca, la testa del femore danneggiata viene sostituita con una sfera di metallo o ceramica, che si inserisce in una presa artificiale che viene cementata in posizione.

Frattura tra i trocanteri – Chiunque abbia una frattura tra i due trocanteri deve essere trattato immediatamente con trazione, il che comporta l’uso di pesi e carrucole per allungare ed estendere i muscoli intorno all’anca. La trazione impedisce ai muscoli attaccati ai trocanteri di tirare i due lati dell’osso fratturato in diverse direzioni durante il tempo necessario affinché la frattura guarisca.

Per le persone che partecipano a un’attività regolare prima di un infortunio, la trazione deve essere seguita da un intervento chirurgico per inserire spilli e viti nell’anca per stabilizzare l’osso rotto. Queste persone dovrebbero iniziare a muovere l’articolazione il più presto possibile dopo aver messo i perni e le viti.

Questo tipo di chirurgia può essere troppo traumatico per le persone costrette a letto prima della frattura. In questi casi, l’osso fratturato deve essere mantenuto immobilizzato. Questa immobilizzazione può durare da quattro a otto settimane.

Frattura sotto i trocanteri – La chirurgia consiste nel posizionare una lunga asta di metallo nell’asta del femore per riallineare la rottura. Nei bambini piccoli, la trazione e il getto a gamba intera possono essere tutto ciò che è necessario.

Quando chiamare un professionista

Se si verifica un dolore all’anca prolungato o grave dopo una caduta, chiamare il medico per una valutazione urgente. Se pensi di avere una frattura all’anca, cerca di rimanere il più fermo possibile e ottenere aiuto immediatamente.

Prognosi

Le fratture dell’anca sono sempre serie. Sono una delle principali fonti di disabilità e possono comportare complicazioni potenzialmente letali. Circa il 4% delle persone muore dopo una frattura dell’anca a causa di complicazioni derivanti dalla frattura, dal suo trattamento chirurgico o da conseguenze mediche derivanti dal dover essere immobilizzato.

L’immobilità può causare la formazione di coaguli di sangue nelle vene delle gambe, un problema che può portare ad una complicanza potenzialmente letale chiamata embolia polmonare. La polmonite è anche comune nei pazienti immobili. L’immobilità può causare lesioni da decubito nell’area dei glutei o delle caviglie e le piaghe da decubito possono sviluppare infezioni.

Un’anca fratturata può causare disabilità prolungata in molti casi. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la chirurgia ha successo e le persone possono camminare e riprendere le normali attività con poche restrizioni.

Le fratture della testa del femore possono causare un’ulteriore complicazione ferendo i vasi sanguigni che forniscono sangue alla parte superiore del femore. Questo tipo di lesione può compromettere la guarigione e portare alla morte dell’osso, chiamata osteonecrosi. L’osteonecrosi della testa del femore si verifica in circa il 10% delle persone che fratturano un anca, ma fino al 30% di quelli la cui frattura dell’anca è stata spostata.