Casa » Salute » Malattia del cuore » Calvizie, i primi capelli grigi possono essere indicatori di malattie cardiache
Malattia del cuore

Calvizie, i primi capelli grigi possono essere indicatori di malattie cardiache

Non sono orgoglioso di questo, ma quando ero in seconda elementare, ho rotto il mio “fidanzamento” con il mio compagno di classe Matthew quando ho saputo che suo padre era calvo.

A mia difesa, noterò che i bambini di 7 anni non sono particolarmente ben informati sulla genetica o sulla calvizie maschile.

Ma forse i giovani di oggi dovrebbero prestare un po ‘più di attenzione.

La calvizie è ora collegata a un aumento di cinque volte della malattia cardiaca nei giovani uomini.

Questo è secondo la ricerca recentemente presentata alla 69a conferenza annuale della Cardiological Society of India (CSI).

I ricercatori hanno notato che l’obesità, al contrario, è collegata a un rischio quadruplo di malattie cardiache precoci.

Il dott. Kamal Sharma, principale e principale investigatore per lo studio, ha spiegato il progetto in un’intervista con Healthline.

“Questo studio è stato progettato per cercare la calvizie nei pazienti che presentano malattie cardiache e valutato la gravità della calvizie, l’ingrigimento dei capelli e la magrezza dei capelli, e correlato con gravità e complessità delle malattie cardiache”, ha detto.

Sharma ha detto che la ricerca ha anche risposto alla questione pollo-e-uovo di cui è venuto prima.

“Al momento dell’evento cardiaco, la calvizie era già presente. Quindi puoi dedurre che la calvizie ha preceduto un evento cardiaco “, ha detto.

Sharma, professore associato nel dipartimento di cardiologia presso l’istituto di cardiologia e centro di ricerca U.N. Mehta, ha anche osservato che “calvizie e ingrigimento precoce dovrebbero essere considerati fattori di rischio per la malattia coronarica. Questi fattori possono indicare l’età biologica, piuttosto che cronologica, che può essere importante nel determinare il rischio cardiovascolare totale. ”

Cosa ha mostrato lo studio

Lo studio ha cercato legami tra i capelli prematuri e gli alopecia nei giovani uomini indiani con malattia coronarica. L’alopecia è una malattia autoimmune che causa la caduta dei capelli in piccoli cerotti casuali.

Lo studio ha incluso 790 uomini di età inferiore a 40 anni affetti da malattia coronarica e 1.270 uomini sani di pari età che hanno agito come gruppo di controllo.

Tutti i partecipanti hanno avuto una storia clinica, nonché un elettrocardiogramma, ecocardiografia, esami del sangue e angiografia coronarica.

Sono stati anche valutati per un punteggio di calvizie maschile di 0 (nessuno), 1 (lieve), 2 (moderato) o 3 (grave), dopo l’analisi di 24 differenti punti di vista sul cuoio capelluto.

Un punteggio di sbiancamento dei capelli è stato determinato in base alla percentuale di capelli bianchi e grigi:

  • 1: nero puro
  • 2: nero maggiore del bianco
  • 3: il nero è uguale al bianco
  • 4: bianco maggiore del nero
  • 5: bianco puro

Quando tutti i numeri sono stati scricchiolati, i ricercatori hanno cercato collegamenti tra i capelli prematuramente grigi e le lesioni alopecia. La complessità e la gravità di queste lesioni indicavano un coinvolgimento coronarico.

I risultati: più i capelli sono grigi, maggiore è l’incidenza della malattia coronarica. Era del 50% contro il 30% nel gruppo di controllo.

Dopo aggiustamento per età e altri fattori di rischio cardiovascolare, la calvizie maschile ha mostrato un rischio 5,6 volte maggiore di malattia coronarica. L’ingrigimento precoce è stato associato a un rischio 5,3 volte maggiore.

La calvizie maschile e l’ingrigimento prematuro erano i più forti predittori di malattia coronarica nei giovani uomini indiani. Segue l’obesità, che è stata associata a un rischio 4,1 volte maggiore.

I predittori della malattia coronarica includevano anche:

  • diabete mellito
  • ipertensione
  • storia familiare di malattia prematura delle arterie coronarie
  • obesità centrale
  • indice di massa corporea più alto
  • dislipidemia (colesterolo alto)
  • fumo

Ma questi erano in misura minore rispetto alla calvizie maschile, agli ingrigimenti prematuri e all’obesità.

Anche le donne potrebbero essere colpite

Sebbene questo studio fosse limitato agli uomini indiani, Sharma crede che abbia implicazioni più ampie.

“Studi simili e poche meta-analisi attraverso l’etnia hanno mostrato un’associazione più elevata con la calvizie e l’ingrigimento dei capelli”, ha detto. “Anche se i dati provengono da indiani asiatici, non abbiamo motivo di credere che l’invecchiamento biologico riflesso nei cambiamenti dei capelli non sarebbe associato con le malattie cardiache”.

Sharma pensa che la ricerca potrebbe applicarsi anche alle donne.

“L’invecchiamento biologico colpisce anche le donne, ma anche la crescita dei capelli è regolata da un ambiente ormonale”, ha spiegato. “Questo studio non ha esaminato i modelli di capelli delle donne, ma nuovi studi possono esaminare anche questi aspetti”.

Ricerca futura

Infatti, dice che ci sono molte opzioni per futuri studi.

“La ricerca di legami ormonali e genetici oltre all’invecchiamento biologico e ai modelli di apoptosi cellulare può definire e spiegare come l’invecchiamento biologico differisca da persona a persona”, ha affermato. “Gli studi futuri dovrebbero esaminare questi modelli oltre i livelli di testosterone in meccanismi e genetica dell’invecchiamento dei capelli e del cuore e dei suoi legami – se ce ne sono”.

I colleghi ricercatori di Sharma hanno offerto ulteriori informazioni sul significato dello studio.

Il dott. Marco Roffi, direttore del corso del programma di European Society of Cardiology presso CSI e responsabile dell’unità di cardiologia interventista dell’Ospedale universitario di Ginevra in Svizzera, ha dichiarato: “La valutazione dei fattori di rischio è fondamentale nella prevenzione e gestione delle malattie cardiovascolari”.

“Classici fattori di rischio come il diabete, storia familiare di malattia coronarica, fumo, stile di vita sedentario, alti livelli di colesterolo e ipertensione arteriosa sono responsabili della stragrande maggioranza delle malattie cardiovascolari. Resta da stabilire se i potenziali nuovi fattori di rischio, come quelli descritti, possano migliorare la valutazione del rischio cardiovascolare “, ha continuato.

Per il momento, sembra che ciò che è male per il cuoio capelluto può anche essere un male per le arterie coronarie.