Casa » gravidanza » Comprensione dell’infertilità
gravidanza

Comprensione dell’infertilità

Infertilità

La fertilità cambia con l’età

Notizie sorprendenti per uomini e donne: i tuoi orologi biologici hanno ticchetto più a lungo di quanto pensi. I risultati di una ricerca recente mostrano che la fertilità inizia a diminuire nelle donne già a 27 anni e negli uomini intorno a 35 anni. Ma le notizie non sono tutte negative; il periodo fertile (o finestra aperta per il concepimento) durante il ciclo di una donna rimane della stessa lunghezza tra i 19 ei 39 anni.

Lo studio, pubblicato nel numero di maggio 2002 della rivista Riproduzione umana , hanno coinvolto 782 coppie europee che praticano il metodo del ritmo della contraccezione. Le donne registravano le loro temperature corporee giornaliere, i giorni in cui avevano fatto sesso e i giorni del loro sanguinamento mestruale. La fertilità è stata misurata dalla probabilità di rimanere incinta per ciclo mestruale.

L’analisi dei risultati ha mostrato che le donne di età inferiore ai 27 anni avevano una probabilità maggiore del 50% di rimanere incinta durante un ciclo mestruale, assumendo che i loro partner avessero la stessa età e avessero fatto sesso due giorni prima dell’ovulazione, che è il momento migliore per il concepimento. Questa probabilità è diminuita notevolmente all’età di 27 anni. Le donne di età compresa tra 35 e 39 anni avevano quasi il 50% di probabilità in meno di rimanere incinta durante un ciclo rispetto alle donne sotto i 27 anni.

Gli scienziati hanno ipotizzato che la diminuzione della fertilità delle donne con l’età fosse il risultato di un periodo fertile abbreviato durante il ciclo mestruale. Tuttavia, i risultati di questo studio dimostrano che non è questo il caso. Per le donne di età compresa tra 19 e 39 anni, il periodo fertile (quando le probabilità di concepimento erano superiori al 5%) si è verificato durante i 6 giorni precedenti l’ovulazione.

I ricercatori hanno anche scoperto che le donne di 35 anni con partner della stessa età avevano il 29% di probabilità di rimanere incinta nel giorno più fertile, mentre le donne di 35 anni con partner di cinque anni più anziani avevano solo il 18% di probabilità di rimanere incinta. Questo indica che la fertilità degli uomini inizia a calare durante la loro fine degli anni ’30. I ricercatori indicano che molte ragioni potrebbero essere responsabili di questa diminuzione, inclusi difetti genetici nello sperma o cambiamenti strutturali nei testicoli e nella prostata.

Gli esperti dicono che questo studio non è motivo di allarme. I risultati mostrano una diminuzione media della fertilità quando le donne e gli uomini invecchiano. A qualsiasi età, tuttavia, i livelli di fertilità variano ampiamente tra gli individui. In generale, quando le donne invecchiano, dovrebbero aspettarsi che impieghi più tempo a rimanere incinta rispetto a quando erano più giovani.

La fecondazione in vitro può causare difetti alla nascita, basso peso alla nascita

Sono passati 24 anni da quando il primo bambino è stato concepito con l’aiuto della fecondazione in vitro (FIV), portando speranza a migliaia di coppie senza figli. Solo nel 1999, oltre 30.000 bambini nacquero in America con l’aiuto delle tecnologie di riproduzione artificiale (ART), compresa la fecondazione in vitro. Da allora, circa 300.000 bambini fecondati in vitro sono nati in tutto il mondo. Ma questo modo rivoluzionario per superare l’infertilità non è privo di rischi. Due nuovi studi pubblicati nel numero del 7 marzo 2002 del New England Journal of Medicine suggeriscono che i bambini con ART hanno maggiori probabilità di nascere con difetti alla nascita e bassi pesi alla nascita rispetto ai neonati concepiti naturalmente.

Nella fecondazione in vitro, lo sperma e l’uovo delle donne sono combinati in un piatto da laboratorio. Dopo la fecondazione, l’embrione risultante viene quindi trasferito all’utero femminile per svilupparsi in modo naturale. Una speciale procedura di IVF chiamata iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI), in cui lo spermatozoo viene iniettato direttamente nell’uovo, può essere utilizzata anche per l’infertilità maschile grave.

Le ART, inclusa la fecondazione in vitro, aumentano il rischio di nascite multiple perché diversi embrioni vengono di solito trasferiti all’utero in una volta per aumentare la probabilità di una gravidanza riuscita. Ma questa pratica è controverso perché le nascite multiple sono associate a un basso peso alla nascita, il che pone il neonato ad un aumentato rischio di disabilità a breve e lungo termine e persino alla morte. Tuttavia, in uno dei nuovi studi, i ricercatori dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie hanno scoperto che anche i bambini nati da ART avevano una probabilità di avere un basso peso alla nascita pari a 2,6 volte rispetto a un bambino singolo concepito in modo naturale.

Nell’altro studio, i ricercatori australiani hanno scoperto che circa il 9% dei 301 bambini FIV studiati presentavano difetti alla nascita, come problemi cardiaci, arti rachitiche, sindrome di Down e palatoschisi, rispetto al solo 4,2% dei 4000 bambini concepiti in modo naturale studiati. Il rischio era ancora più che raddoppiato quando non si prendevano in considerazione più nascite.

Né questi né precedenti studi sono stati in grado di identificare se la ragione del rischio eccessivo di basso peso alla nascita e difetti alla nascita sia correlata alla sterilità sottostante o alle procedure e ai farmaci utilizzati per superarla.

Per molti sostenitori della riproduzione assistita, i risultati di questi studi non sono necessariamente terrificanti, ma rassicuranti. Li guardano e festeggiano che oltre il 90% dei bambini FIV sono nati sani. Ma indipendentemente dall’interpretazione dei numeri, le coppie in cerca di aiuto con la fertilità dovrebbero considerare questi rischi.

Spermatozoi e fertilità

La forma dello sperma di un uomo è il miglior indicatore di fertilità, secondo uno studio recente di Il New England Journal of Medicine .

I ricercatori della National Cooperative Reproductive Medicine Network hanno scoperto che la migliore struttura dello sperma è una testa ovale e una lunga coda dritta. Sperma di forma insolita – quelli con teste molto grandi o piccoli, o code con colpi di scena e bobine – non erano in grado di fecondare l’uovo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) pubblica standard di misurazioni dello sperma normali, ma le linee guida sulla quantità di sperma di qualità indicative della fertilità sono variate nel corso degli anni e non si sono dimostrate in prove approfondite.

Gli uomini nello studio avevano maggiori probabilità di essere sterili se meno del 9% del loro sperma era ben formato, mentre erano più propensi a essere fertili se oltre il 12% del loro sperma sembrava normale.

Mentre non esiste un modo sicuro per diagnosticare la fertilità, queste scoperte su sperma ben formato potrebbero aiutare a standardizzare i criteri dell’OMS.

Ormone di livello migliore Predittore di successo di droga nel trattamento della gravidanza ectopica

La prevalenza di gravidanze ectopiche è aumentata notevolmente dagli anni ’70. Alcune donne sono a maggior rischio di gravidanza extrauterina – ad esempio, donne che fumano, o che hanno subito un intervento chirurgico pelvico, o che hanno utilizzato una spirale in passato e quelle con una storia di infertilità. Una gravidanza ectopica si verifica quando un embrione inizia a svilupparsi al di fuori dell’utero, di solito in una tuba di Falloppio. Questa stranezza della natura è difficile. Gli embrioni sono raramente normali ed è impossibile continuare la gravidanza. Questa situazione minaccia anche la salute di una donna. Se una gravidanza extrauterina non viene rilevata, la tuba di Falloppio potrebbe rompersi e la donna potrebbe soffrire di gravi emorragie interne. Se non viene rilevato abbastanza presto, possono esserci danni agli organi riproduttivi della donna che possono comprometterne la fertilità. I sintomi di una gravidanza extrauterina possono includere sanguinamento vaginale, forti crampi addominali o dolori su un lato; tuttavia, la gravidanza ectopica può essere indolore o associata a soli leggeri crampi.

Una gravidanza ectopica viene generalmente trattata con un intervento chirurgico, che è invasivo e comporta alcuni rischi. Un altro approccio è l’uso di un farmaco chiamato metotrexato. Il metotrexato viene tradizionalmente usato come parte della terapia del cancro perché ostruisce il metabolismo delle cellule in rapida crescita. Nel caso di una gravidanza extrauterina, il farmaco impedisce alle cellule embrionali di moltiplicarsi. Sebbene vi siano chiari vantaggi per il trattamento medico di una gravidanza extrauterina (nessun rischio chirurgico, tempi di recupero più rapidi e forse una migliore conservazione della fertilità), non è sempre efficace e talvolta è necessario un intervento chirurgico.

Ricercatori dell’Università del Tennessee, a Memphis, hanno recentemente condotto uno studio per determinare quali fattori potrebbero aiutare a prevedere se il trattamento con metotrexato avrà successo. Hanno monitorato 350 donne con gravidanze ectopiche a cui era stato somministrato il farmaco; 320 donne sono state trattate con successo. Dopo aver confrontato vari fattori, come la dimensione dell’embrione e la presenza di fluido nella cavità addominale, i ricercatori hanno stabilito che il livello di un ormone prodotto durante la gravidanza era il singolo fattore più importante nel determinare se il trattamento farmacologico avrebbe avuto successo. L’ormone, chiamato gonadotropina corionica umana (HCG), è prodotto dalla placenta e aiuta a garantire la produzione di progesterone, preservando così la gravidanza. (È l’ormone misurato nei test di gravidanza a domicilio). Livelli alti dell’ormone suggeriscono un embrione che si sta ancora sviluppando e crescendo. Il trattamento con metotrexato ha avuto maggiore successo nelle donne i cui livelli di HCG erano 15.000 o meno. È importante tenere presente che le donne in questo studio hanno avuto gravidanze ectopiche molto precoci e nessun segno di emorragia interna.

La gravidanza ectopica può essere un’esperienza dolorosa sia a livello emotivo che fisico. Il trattamento medico con metotrexato, piuttosto che chirurgico, può essere un modo un po ‘meno traumatico per gestire questo problema.

Il nuovo farmaco per la fertilità Ovidrel (R) dovrebbe raggiungere il mercato nel 2001

Ovidrel (R) – il primo farmaco per la fertilità a contenere gonadotropina corionica umana ricombinante – è stato approvato per l’iniezione sottocutanea. Se tutto andrà secondo i piani, Ovidrel (R) sarà disponibile per uso paziente nel 2001.

Negli ultimi 40 anni, la gonadotropina corionica umana, prelevata dall’urina di donne in gravidanza, è stata l’unica preparazione ormonale disponibile in commercio per favorire l’ovulazione nelle donne con infertilità a causa di anovulazione. Negli ultimi 20 anni, la gonadotropina corionica umana derivata dalle urine (uHCG) è stata anche utilizzata per promuovere la maturazione finale delle uova nelle ovaie di donne sottoposte a tecnologie di riproduzione assistita come la fecondazione in vitro. I preparati commerciali di uHCG hanno sofferto di incoerenza da lotto a lotto, il che può portare a variazioni nella risposta – non solo da paziente a paziente ma anche da un paziente da un ciclo all’altro. Al contrario, Ovidrel ha un alto livello di purezza, il che significa che la sua forza e precisione possono essere misurate con precisione e che possono essere prodotte in modo uniforme. Secondo uno studio recente, Ovidrel è altrettanto efficace di UHCG in termini di numero di uova prodotte nelle donne. Ma, nel produrre uova mature, Ovidrel (R) è risultato essere più efficiente.

Un chiaro vantaggio dell’uso di Ovidrel è il fatto che le donne nello studio avevano una tolleranza molto migliore a livello locale per la sua iniezione. Le iniezioni di uHCG devono essere somministrate per via intramuscolare (un colpo profondo, che richiede un lungo ago), piuttosto che appena sotto la pelle, come richiede Ovidrel (utilizzando un ago simile a quello usato per le iniezioni di insulina). Per le donne nello studio, la somministrazione di uHCG era quattro volte più probabilità di causare eventi avversi, come dolore, infiammazione e lividi nel sito di iniezione rispetto all’iniezione sottocutanea di Ovidrel. Anche le donne che avevano sofferto di una reazione locale avversa a uHCG erano in grado di tollerare molto meglio l’iniezione di Ovidrel. La tolleranza migliorata delle donne di Ovidrel è chiaramente un vantaggio in termini di comfort e facilità d’uso, oltre ai suoi benefici clinici.
Aggiornamento di ottobre 2000

I benefici del riposo a letto dopo l’inseminazione intrauterina

Uno studio randomizzato condotto in Quebec, Canada, è il primo a dimostrare che il riposo a letto dopo l’inseminazione intrauterina (IUI) aumenta il tasso di concepimento di successo. Su 116 coppie scelte per partecipare allo studio, 95 lo hanno completato (a tutti sono stati diagnosticati “infertilità inspiegabile”). Le donne erano tutte di età inferiore ai 38 anni, avevano confermato l’ovulazione e avevano le tube di Falloppio aperte. Tutti gli uomini avevano una normale analisi dello sperma. Le coppie hanno avuto infertilità da uno a tre anni e sono state assegnate in modo casuale a due gruppi.

I pazienti di ciascun gruppo hanno ricevuto gli stessi trattamenti, screening e farmaci nelle stesse dosi allo stesso tempo nei loro cicli, per un massimo di tre cicli di trattamento. Ai pazienti del gruppo I è stato permesso di alzarsi immediatamente dopo lo IUI, mentre ai pazienti del gruppo II è stato chiesto di rimanere sdraiati sulla schiena per 10 minuti dopo la procedura. Il gruppo I era composto da 40 coppie; quattro delle donne in questo gruppo rimasero incinte. Il gruppo II era composto da 55 coppie; 16 delle donne in questo gruppo rimasero incinte.

I ricercatori non sono esattamente sicuri del motivo per cui 10 minuti di riposo a letto hanno fatto una tale differenza nel tasso di gravidanza tra i due gruppi. Una ragione che offrono è che stare in piedi e muoversi dopo lo IUI potrebbe causare la maggior parte degli spermatozoi ad essere espulsi dall’utero e dalla vagina. Gli investigatori dello studio non sono stati in grado di dire quanto il riposo a letto sia “migliore” ma ritengono che 10 minuti sembrino sufficienti. Inoltre suggeriscono che 10 minuti di riposo a letto dopo i rapporti sessuali potrebbero anche aumentare le probabilità di concepimento. Alla luce di questi risultati, questi ricercatori raccomandano 10 minuti di riposo a letto dopo che l’IUI è diventato una pratica standard